IL SOCIALE IN PRIMO PIANO NOTIZIE

Tempio Crematorio ad Avezzano, era ora, la marsica attendeva tale struttura da troppo tempo.

Bene ha fatto l’amministrazione di Avezzano  a deliberare la costruzione del Tempio crematorio, un progetto che mette a disposizione della popolazione un servizio utile, economico e condiviso.

Il tempio  come da legge verrà costruito nell’area del cimitero lontano dal centro abitato e  ora si passerà all’avviso pubblico per l’affidamento in concessione aperto alle aziende del settore interessate a realizzare il progetto che sarà naturalmente soggetto alle valutazioni di impatto ambientale che non sarà fatto dal Comune ,ma dalla Regione e avendo fiducia nelle istituzioni  ritengo che faranno al meglio il loro lavoro.

Termineranno i centinaia di viaggi che si hanno dalla Marsica per raggiungere località attrezzate  per la cremazione, un servizio che in molti attendono e fiduciosi che tutto sarà a norma e in sicurezza.

C’è chi dice che si è andati troppo veloci, sono trent’anni che se ne discute ed Avezzano grazie alla lungimiranza del Piano regolatore la città ha una area Cimiteriale ampia infatti l’ubicazione dei forni, è normato dal DPR 285/1990 “Approvazione del regolamento di polizia mortuaria” stabilisce (all’art. 78) che questi siano costruiti entro i recinti dei cimiteri e che il progetto di costruzione debba essere corredato da una relazione nella quale vengano illustrate le caratteristiche ambientali del sito, le caratteristiche tecnico-sanitarie dell’impianto e i sistemi di tutela dell’aria dagli inquinamenti. I cimiteri, dal canto loro, in base all’art. 338 del Regio Decreto 1265/1934 “testo unico delle leggi sanitarie“ (così come modificato dall’art. 4 della Legge 130/2001) devono essere distanti di almeno duecento metri dai centri abitati (tranne il caso di cimiteri di urne) ed è vietato costruire intorno agli stessi nuovi edifici e ampliare quelli preesistenti entro il raggio di duecento metri. Si fa presente che un centro abitato, così come definito dal Codice della strada (art.3 punto 8 del D.Lgs 285/1992), è un «insieme di edifici, delimitato lungo le vie di accesso dagli appositi segnali di inizio e fine. Per insieme di edifici si intende un raggruppamento continuo, ancorché intervallato da strade, piazze, giardini o simili, costituito da non meno di venticinque fabbricati e da aree di uso pubblico con accessi veicolari o pedonali sulla strada».

Augusto Di Bastiano

Il nuovo impianto dovrà sottostare ed avere tutti i requisiti richiesti dal Piano regionale di tutela della qualità dell’aria-Regione Abruzzo

 PUBBLICATO: 10 LUGLIO 2018 

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 23 GIUGNO 2021

Documentazione varia: 

PDF icon Prot. 281241 Attivazione procedura Valutazione di Incidenza

Atti di chiusura: 

PDF icon GIUDIZIO FAVOREVOLE CON PRESCRIZIONI

Allegati: 

PDF icon 10 PRTQA_Valutazione di incidenza (2).pdf

PDF icon 1 PRTQA_Piano.pdf

PDF icon nota_prot_345119_18.PDF

Stato procedimento: 

Concluso

Tipologia procedimento: 

VINCA

Related posts

Avezzano – Via Albense oggi via Pagani,I marciapiedi chi deve spazzarli?

Redazione

INQUADRANDO PAESAGGI -Percorsi d’arte lunghi un secolo

Redazione

Scurcola Marsicana (Aq) – Arti-mastieri e sapori nel borgo mediovale

Redazione

1 comment

“No alle strumentalizzazioni sul tempio crematorio” – Centro Giuridico Del Cittadino 14 Novembre 2021 at 09:46

[…] Tempio Crematorio ad Avezzano, era ora, la marsica attendeva tale struttura da troppo tempo. […]

Reply

Leave a Comment