NOTIZIE SANITA'

DA GIUGNO A DICEMBRE NON SI POSSONO PRENOTARE ESAMI PRESSO L’OSPEDALE DI AVEZZANO

di Mario Casale

Spiace dover tornare sulla questione, ma presso l’ospedale di Avezzano da giugno non si

prenotano più esami fino alla fine dell’anno. E neppure alla clinica convenzionata che si

trova nella stessa condizione. Se tutto va bene, prima dell’anno si può effettuare l’esame a

Sulmona e forse all’Aquila. Insomma liste di attesa infinite. Ma c’è una soluzione per chi

ha i soldi: rivolgersi alle strutture private e quasi contestualmente alla richiesta l’esame

viene effettuato. Sorge un sospetto malizioso, anzi due: è tutto funzionale per agevolare la

sanità privata? I pazienti benestanti possono curarsi e i pazienti poveri no? Il servizio

sanitario nazionale non è nato con queste finalità, anzi ha garantito a tutti la possibilità di

curarsi da 46 anni, fin dalla sua nascita. Oggi non è più così, da quando gli ospedali si sono

trasformati in aziende, sono state applicate le regole privatistiche delle imprese producendo

danni fatali ai pazienti e a tutto il sistema nazionale sanitario, e si persevera.

Dalle liste di attesa, alla mancanza di personale medico e paramedico, alla mancanza di

strumenti operativi moderni…manca persino una connessione efficiente di internet;

praticamente impossibile ritirare i referti on line, e per pagare un ticket bisogna sottoporsi

ad una fila estenuante presso il cup, altrove ci sono casse automatiche .

In sostanza il paziente è considerato un numero che deve fare la fila per pagare e che può

essere indirizzato all’Aquila, a Sulmona e a Castel di Sangro, a prescindere dalle

condizioni sanitarie e finanziarie.

Nel frattempo si vuole costruire un nuovo ospedale, idea geniale per non affrontare i

problemi quotidiani e rinviando di almeno 10 la soluzione.

In questo contesto gli elettori avezzanesi e marsicani hanno confermato la giunta regionale

di destra, stimolandola a continuare nella direzione che ci umilia e ci fa vergognare di

essere abruzzesi.

Ci sono livelli di sanità a partire dall’Emilia Romagna ai quali noi non arriveremo mai, dal

volontariato, all’educazione sanitaria, alla ricerca, e a competenze professionali di medici

e paramedici di eccellenza, che mettono a proprio agio il paziente e lo fanno sentire una

persona che ha bisogno di cure.

La gravità della situazione marsicana è destinata a peggiorare ulteriormente in quanto non

si avverte l’urgenza del cambiamento e anzi alimenta la rassegnazione e la sfiducia dei

cittadini nei confronti delle istituzioni e della politica. Obiettivo che la destra di Meloni e

Marsilio raggiunge “democraticamente” in Italia e in Abruzzo, soprattutto ad Avezzano e a

Trasacco.

Parole al vento? Che senso ha la nostra vita se non ci si indigna di fronte alle ingiustizie e

alla sanità marsicana così malandata, con la complicità di tanti sindaci che invece di

tutelare i cittadini convivono con una qualità della vita e della sanità indecente?

19 giugno 2024

Related posts

Avezzano – Salto in lungo, campo da basket, area fitness: nuova area sportiva ricreativa per gli studenti di Pomilio e Vivenza

Redazione

Avezzano -Approvato il progetto definitivo per la realizzazione della nuova scuola dell’infanzia in via Pertini-costo dell’opera € 3.275.000,00;

Redazione

Rocca di Mezzo (Aq) – PARTE IL PROGETTO ERASMUS+ SPORT “SOS PARKS”: UN’OPPORTUNITA’ PER IL NOSTRO TERRITORIO

Redazione

Leave a Comment