NOTIZIE San Benedetto Dei Marsi

DI DONNE E D’INCLUSIONE – DEDICATO A SABINA SANTILLI. SABATO 18 MARZO, SAN BENEDETTO DEI MARSI

Di Orietta Spera

Avrà luogo sabato 18 marzo, dalle 10,30, nell’aula consiliare del municipio di San Benedetto dei Marsi, con il patrocinio del Comune, l’evento “Di donne e d’inclusione – dedicato a Sabina Santilli”: sarà l’occasione per parlare di donne (affinchè si ribadisca quanto sia importante difenderne la dignità, soprattutto in caso di fragilità e quanto sia basilare, per la libertà personale, che vengano incluse lavorativamente, senza distinzioni e discriminazioni) e di donne forti, che ce l’hanno fatta e che sono un esempio per tutti (come Sabina Santilli, emblema di forza che, nonostante la drammatica situazione di doppia disabilità, ha fondato la “Lega del Filo d’Oro”, cambiando la vita di tantissime persone); ma si discuterà anche di altre realtà considerate “deboli” (come i giovani e il loro mancato inserimento nella società attuale) e di come si ponga il territorio marsicano rispetto alle problematiche correlate alle situazioni di cui sopra.La manifestazione, che sarà presentata dalla giornalista Orietta Spera, si terrà alla presenza del Sindaco Quirino D’Orazio, del nipote di Sabina Santilli, Giuseppe (che porterà una testimonianza sull’encomiabile opera della congiunta), della Dirigente Scolastica Maria Gigli e di alcune classi dell’Istituto Comprensivo “Fontamara”, che saranno chiamate ad esprimersi alla fine dell’incontro.L’avvenimento sarà incentrato sulle opere delle scrittrici Simona Ettorre, Lidia Macerola, Manuela Rotili e delle poetesse Gianna Danese, Anna Giuseppina Joly e Maria Assunta Oddi, che dialogheranno con l’intervistatrice, coinvolgendo i ragazzi presenti; l’intento è quello di sensibilizzare i giovanissimi alle tematiche trattate.Chiunque voglia è invitato ad intervenire.*Approfitto di questo comunicato per ringraziare una persona molto “silenziosa” e oltremodo efficiente: si tratta di una tipografa eccezionale, anche “anomala”, direi, perché dotata di capacità cognitive uniche e di grande sensibilità, di introspezione e, “pugno di ferro in guanto di velluto”, di una forza insospettabile che tira fuori al momento giusto… Grazie ad Erica Del Vecchio. Sei grande! (Grazie anche al Gruppo “DVG STUDIO”, composto da Lot, Filippo e Pompeo…)Orietta Spera.

Related posts

AVEZZANO -Concorso di Poesia “Romolo Liberale” Sabato 4 novembre 2023- Coordina l’incontro Luisa Novorio

Redazione

Come l’accoglienza ai migranti può migliorare l’integrazione e la salute mentale?

Redazione

Ri..scopriamo il Salviano vi da’ appuntamento al prossimo anno scolastico

Redazione

Leave a Comment