LA LETTURA - LIBRI

“INFINITO RESTARE” un racconto in cammino del territorio sconosciuto a portata di mano.

Dal 7 giugno in libreria
Cosa significa, oggi, rimanere a vivere nei paesi dell’Appennino centrale? Chi è che ha scelto di ritornare e perché lo ha fatto? C’è ancora tempo e modo di provare a immaginarsi una rinascita di luoghi che la società e la politica non considerano più prioritari nella propria agenda?A queste e ad altre domande prova a rispondersi da tempo Savino Monterisi, che dopo Cronache della restanza torna a interrogarsi tra queste pagine, iniziando una nuova ricerca emozionale sulle orme dei sentieri di montagna e tra i vicoli dei piccoli centri dell’Abruzzo montano. In ogni pagina, e in ogni passo del suo racconto in cammino, si accompagnano così nuove istanze e vecchie conoscenze del territorio; “ritornanti” e comunità resistenti che non si sono mai arrese allo spopolamento, anziani di cui è fondamentale mantenere viva la memoria e giovani che hanno deciso di investire in nuove imprese agricole o nella ricezione turistica.Infinito restare è un viaggio alla scoperta del non conosciuto a portata di mano. Un “oggetto narrativo non identificato” in cui saggistica, reportage e narrazioni si intrecciano e si rincorrono permettendo all’autore di calare nella propria dimensione locale il concetto di “Restanza” sviluppato dall’antropologo calabrese Vito Teti; per far (ri)scoprire il territorio e per farlo (ri)conoscere osservandolo da una nuova prospettiva. In attesa dell’uscita in libreria, il libro può essere già ordinato in anteprima sul sito di Radici Edizioni.

Related posts

Come creare gruppi di lettura inclusivi, dialogici e felici

Redazione

“Giù in mezzo agli uomini” (Einaudi 2022), dedicato alla vita e alla morte dell’operaio Guido Rossa di Sergio Luzzatto

Redazione

I Piccoli Paesi

amministratore

Leave a Comment