AVEZZANO NOTIZIE

Chiudono gli uffici del catasto di Avezzano. I Sindaci della Marsica si facciano valere.

Il vicesindaco di Avezzano Dott. Di Berardino, il presidente dell’UNCEM regionale Lorenzo Berardinetti, il Commissario della Comunità Montana “Montagna Marsicana”, Dott. Gianluca De Angelis, Facciano squadra e chiamino a raccolta i Sindaci della Marsica, coinvolgano la Provincia., la vice presidente dell’ANCE Roberta Palermini, Francesco D’Amore presidente CNA Marsica, Carlo Rossi direttore della Confesercenti L’Aquila, Giuliano Montaldi  presidente della Confcommercio Avezzano, l’0rdine degli ingeneri, degli architetti, dei geometri, le  agenzie immobiliari ,i rappresentanti sindacali e di categoria di CGIL,CISL, UIL ,UGL, Confagricoltura, Coldiretti, CIA ,l’Unione Industriali, l’Arap e le associazioni portatrici di interessi collettivi, diffusi e generali.

In periodi così difficili è miopia allontanare i servizi dai cittadini, i servizi on line  sono una grande risorsa ,si valutino la qualità di questi servizi in tutta la nostra provincia, ma non possono sopperire ad un servizio complesso come quello che offre l’Ufficio del Catasto.

In queste scelte devono avere ruolo e condividere il rafforzamento dei servizi territoriali anche la Citta dell’Aquila e l’Ente Provincia. L’accentramento dei servizi è un danno per tutti, la tutela dei servizi per le zone interne serve come il pane per tenere il territorio in coesione. Tuttavia le scelte vanno nell’esatto contrario di quello che si va predicando per la tutela delle aree montane: dopo non chiediamoci perché i nostri comuni perdono abitanti ,perché i boschi, e i territori montani abbandonati non vengono curati , perché le fasce pedemontane sono in stato di semi abbandono.

A seguire riporto alcuni passaggi presi dal documento dello Stato Italiano su

Strategia nazionale per le Aree interne: definizione, obiettivi, strumenti e governance

Accordo di Partenariato 2014-2020

La sopravvivenza delle aree interne passa per la presenza dell’uomo,    una rinnovata strategia per le Aree interne ha come obiettivo ultimo, l’inversione del trend demografico, sia in termini di numero di residenti, sia in termini di composizione per età e natalità. “

la popolazione è rimasta stabile o è cresciuta; dove i Comuni hanno cooperato per la produzione di servizi essenziali; le risorse ambientali o culturali sono state tutelate e valorizzate,”

“la strategia nazionale per le Aree interne è la qualità della vita delle persone: uno sviluppo intensivo, con l’aumento del benessere e dell’inclusione sociale di chi vive in quelle aree”

“Un elemento da considerare in una prospettiva nazionale è il basso grado di accessibilità ai beni di base – sanità, istruzione, mobilità, cui oggi si deve aggiungere la connettività virtuale (accesso ad internet) – per la popolazione residente”

  “la stella polare della strategia: inversione e miglioramento delle tendenze demografiche ( riduzione dell’emigrazione da queste aree; attrazione di nuovi residenti; ripresa delle nascite”

“Il carattere nazionale della Strategia è segnato anche da un ulteriore previsione. I Comuni partecipanti a ogni area-progetto realizzeranno infatti forme appropriate di associazione di servizi (o, quando lo riterranno, unioni o fusioni) funzionali alla sostenibilità di lungo periodo della strategia e tali da allineare pienamente la loro azione ordinaria con i progetti di sviluppo locale finanziati.”

16 febbraio 2022                           Augusto Di Bastiano

Related posts

COVID-19: Esami e terapie gratuiti per due anni per i guariti da forma grave.

amministratore

“Uomo ,dove sei ?” Paura del diverso o ignoranza ,non è più tempo di dedicarsi al proprio ambito ristretto di impegno

Redazione

DOMENICA IL WWF ORGANIZZA URBAN NATURE – LA FESTA DELLA NATURA IN CITTA’

amministratore

1 comment

Francesco Di Benedetto 17 Febbraio 2022 at 07:34

Considerazioni precise e puntuali

Reply

Leave a Comment