NOTIZIE Punto Pace Marsica

Avezzano -Il Teatro del Krak presenta “SEGRE. COME IL FIUME” con il coordinamento artistico del Teatro dei Colori; Giovedì 25 gennaio ore 11,00 al Teatro dei Marsi di Avezzano

Avezzano – In occasione della GIORNATA DELLA MEMORIA, in collaborazione con il Comune di Avezzano, rapporti istituzionale con Ministero della Cultura e Regione Abruzzo, e la partecipazione della Fondazione Carispaq con il coordinamento artistico del Teatro dei Colori; Giovedì 25 gennaio ore 11,00 al Teatro dei Marsi di Avezzano, un grande momento di teatro e riflessione per i giovani.

Il Teatro del Krak presenta “SEGRE. COME IL FIUME” con Alberta Cipriani, regia Antonio G. Tucci. Spettacolo selezionato per la finale della XIX edizione del “Festival Teatrale di Resistenza” / Premio Museo Cervi – Teatro per la Memoria 2020. “Erede della memoria è colui che ascolta.” Liliana Segre ha otto anni quando, nel 1938, le leggi razziali fasciste si abbattono con violenza su di lei e sulla sua famiglia. Discriminata come “alunna di razza ebraica”, viene espulsa da scuola e a poco a poco il suo mondo si sgretola: diventa “invisibile” agli occhi delle sue amiche, è costretta a nascondersi e a fuggire fino al drammatico arresto sul confine svizzero che aprirà a lei e al suo papà i cancelli di Auschwitz. Dal lager ritornerà sola, ragazzina orfana tra le macerie di una Milano appena uscita dalla guerra, in un Paese che non ha nessuna voglia di ricordare il recente passato né di ascoltarla. Dopo trent’anni di silenzio, una drammatica depressione la costringe a fare i conti con la sua storia e la sua identità ebraica a lungo rimossa.

Scegliere di raccontare è stato come accogliere nella mia vita la delusione che avevo cercato di dimenticare di quella bambina di otto anni espulsa dal suo mondo. E con lei il mio essere ebrea”. Abbiamo ascoltato le testimonianze della signora Segre incontrandola nella sua casa milanese e abbiamo letto i suoi libri, in particolare “La memoria rende liberi” e “Fino a quando la mia stella brillerà”. Ciò ci ha convinti quanto sia importante e anche necessario portare in scena i suoi racconti: la tragedia della Shoah ma anche le conseguenze delle leggi razziali in Italia, spesso sottaciute.

Oggi si vanno sempre più diffondendo forme di razzismo, di intolleranza e di violenza verso i “diversi”, di cancellazione umana, alimentate oltretutto da situazioni di disagio sul mercato del lavoro e dai fenomeni migratori verso l’Europa: da un momento all’altro possono aprire la via a nuove tragedie. La memoria della Shoah può servire a favorire iniziative per reagire ai massacri del nostro tempo. Lo spettacolo raccoglie le memorie, dalla sua viva voce, di una testimone d’eccezione in una narrazione cruda e commovente, ripercorrendo la sua infanzia, il rapporto con l’adorato papà Alberto, le persecuzioni razziali, il lager, la vita libera e la gioia ritrovata grazie all’amore del marito Alfredo e ai tre figli. Un lavoro teatrale per offrire ai giovani l’opportunità di non dimenticare la tragedia della Shoah, definita dal premio Nobel Elie Wiesel come “La più grande tragedia della storia”.

Related posts

Uncem al fianco dei sindaci di Abruzzo e Lazio per dire no all’aumento dei pedaggi autostradali

amministratore

Fondo nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione

amministratore

Il comune di Avezzano attiva convenzione con la facoltà di architettura di Pescara per la realizzazione di tirocini curriculari

Redazione

Leave a Comment