NOTIZIE SANITA'

In arrivo avvisi di pagamento da parte dell’Agenzia delle Entrate ,per PRENOTAZIONE NON DISDETTA,TICKET DI PRONTO SOCCORSO NON PAGATO,ESENZIONE NON VALIDA

fonte :Agenzia delle Entrate

PER NON INCORRERE IN SAZIONI A SEGUIRE TUTTO CIO’CHE SI DEVE SAPERE E SI DEVE FARE

Sono tre diverse tipologie di avviso, vediamole insieme.

PRENOTAZIONE NON DISDETTA

Secondo una legge dello Stato (d.lgs. 124 del 29.04.1998), si può disdire la prenotazione di una visita fino a tre giorni prima della data fissata. Superato questo termine, si è tenuti a pagare il costo del ticket.

Si tratta di una norma che tutela tutti coloro che si rivolgono al servizio sanitario, anche lei: comunicando l’impossibilità di recarsi all’appuntamento, lei lascia spazio ad altri che ne hanno bisogno, permettendo di ridurre le liste d’attesa.

Anche se non ha disdetto la prenotazione di cui parla l’avviso dell’Agenzia delle Entrate, non dovrà pagare nulla se rientra in uno dei seguenti casi:

  • se è deceduta la persona che ha prenotato la visita
  • se è deceduto un suo familiare e la morte è avvenuta entro i tre giorni lavorativi che precedono la data della visita (fino al secondo grado di parentela, coniugi o conviventi appartenenti allo stesso nucleo familiare)
  • se lei è stato ricoverato in una struttura sanitaria
  • se ha avuto problemi di salute o se un suo familiare ha avuto problemi di salute (entro il secondo grado di parentela, coniugi o conviventi appartenenti allo stesso nucleo familiare)
  • se ha avuto un incidente stradale
  • se ha dovuto recarsi al pronto soccorso
  • se ha dovuto effettuare una visita specialistica in urgenza
  • se le è nato un figlio nei tre giorni prima della data fissata dall’appuntamento

In questi casi, può scaricare e compilare il modulo che trova qui sotto, allegando le certificazioni richieste, inviandolo per e-mail all’indirizzo recuperocrediti@asl1abruzzo.it indicando nell’oggetto “Avvisi pagamento – mancata disdetta” oppure per raccomandata A/R all’indirizzo “Asl 1 Avezzano Sulmona L’Aquila – Ufficio Recupero crediti, via Saragat loc. Campo di Pile, 67100 L’Aquila”.

Il nostro personale verificherà le informazioni e provvederà ad aggiornare la sua posizione.

  SCARICA IL MODULO PRENOTAZIONE NON DISDETTA

TICKET DI PRONTO SOCCORSO NON PAGATO

Secondo le delibere di Giunta Regionale n. 208-P del 05.04.2004 e n. 658 del 02.11.2020, il paziente quando è dimesso dal Pronto Soccorso con un codice bianco o verde, è tenuto al pagamento della quota fissa di 25 euro. Nel caso in cui, oltre alla semplice visita, siano stati fatti anche altri esami (prestazioni diagnostiche di laboratorio, strumentali o terapeutiche) la quota da pagare è di 36,15 euro.

Potrebbe essere accaduto che lei, in passato, si è recato in Pronto Soccorso e sia stato dimesso con un codice verde o bianco per il quale le è stato rilasciato un ticket, risultato ad oggi non pagato. Nell’avviso dell’Agenzia delle entrate troverà tutti i dati e le informazioni utili ad effettuare il pagamento.

Se lei ha invece effettuato il pagamento oppure questo non era dovuto per motivi di esenzione, può scaricare e compilare il modulo che trova qui di seguito, allegando le certificazioni richieste. La documentazione dovrà essere inviata per e-mail all’indirizzo recuperocrediti@asl1abruzzo.it indicando nell’oggetto “Avvisi pagamento – ticket pronto soccorso” oppure tramite raccomandata A/R all’indirizzo “Ufficio Recupero crediti-via Saragat loc. Campo di Pile, 67100 L’Aquila”.

  SCARICA IL MODULO TICKET DI PRONTO SOCCORSO NON PAGATO

ESENZIONE NON VALIDA

Potrebbe arrivare una richiesta di pagamento per ticket non pagato perché si è dichiarato di avere diritto all’esenzione (per reddito, disoccupazione, pensione) che, a successivi controlli, è risultata non valida o inesatta. Le verifiche sulle autocertificazioni sono eseguite dalla Sogei, una società del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Se desidera chiarimenti in merito all’avviso arrivato, può inviare una e-mail a recuperocrediti@asl1abruzzo.it scrivendo nell’oggetto “Richiesta chiarimenti – esenzione non valida” e indicando numero e data dell’avviso [es. richiesta chiarimenti – 058002574400 del 25/10/2022]

Il nostro personale sarà a disposizione per chiarire i suoi dubbi e darle tutte le informazioni che desidera.

Related posts

IL 23 NOVEMBRE 1939 LA DENOMINAZIONE DEL COMUNE E DELLA PROVINCIA DI AQUILA VENIVA CAMBIATO IN L’ AQUILA

Redazione

AMICACCI ON SCHOOL: EVENTO ALL’ISTITUTO “GALILEO GALILEI” DI AVEZZANO

Redazione

Le prestazioni a sostegno del nucleo familiare

Redazione

Leave a Comment