La pulce nell'orecchio NOTIZIE

AVEZZANO: CASELLO FATISCENTE ACCANTO ALLA LINEA FERROVIARIA

 “UN SEGNO DI TRASCURATEZZA E DI POTENZIALE PERICOLO”

di Augusto Di Bastiano

Avezzano – Un vecchio casello abbandonato, all’interno della stazione ferroviaria di Avezzano, simile a un pessimo biglietto da visita per i viaggiatori dei treni che vi passano accanto decine di volte al giorno. Il fatiscente locale è situato all’altezza del numero civico 23 di via Abruzzi e confina con l’abitato che si trova in via Lazio, dall’altra parte della linea ferroviaria.

La segnalazione arriva da cittadini residenti e pendolari.  Si tratta di un piccolo stabile, con tetto in parte sventrato in uno stato di complessivo degrado.  Per l’abbandono in cui versa si è trasformato in un simbolo, purtroppo familiare, di sciatteria urbana e, al tempo stesso, della trascuratezza dell’Ente Ferrovie. Ogni giorno, al transitare di un convoglio, davanti agli occhi del viaggiatore, che guarda dai finestrini del treno, si ripropone il degradante spettacolo di uno stabile cadente, nero, eroso su più punti, in balia di una continua azione di decadenza causata dalla mancanza di azioni di recupero e di riattamento.  Senza considerare che il locale potrebbe diventare obiettivo di usi impropri da parte di qualcuno e, potenzialmente, fonte di pericolo per chi abita nelle immediate vicinanze. Che se ne vuole fare del manufatto? Restaurarlo per motivi legati alla linea ferroviaria? Oppure, essendo inutile, destinarlo alla demolizione?  Nell’uno caso e nell’altro bisognerebbe mettervi subito mano. Sperando che questo proposito, com’è accaduto finora, resti su un binario morto…

La foto è del 14 dicembre 2022

Related posts

Mobility manager: approvate le linee guida per la redazione e l’attuazione dei piani per gli spostamenti casa-lavoro

amministratore

Capistrello (Aq) TORNA LA CORSA “EXTREME WARRIOR RUN”. 10KM CON OSTACOLI IL 30 OTTOBRE PRESSO l’EMISSARIO DI CLAUDIO

Redazione

il Centro Servizi per il Volontariato Abruzzo Ets propone il percorso formativo “Fare Quotidiano. I Social media, spiegati bene”.

Redazione

Leave a Comment