BOMBARDAMENTI SECONDA GUERRA MONDIALE NOTIZIE

I bombardamenti di Avezzano settembre 1943 – maggio 1944

fonte:

I bombardamenti di Avezzano avvennero nell’omonima città abruzzese dal mese di settembre 1943 al mese di maggio 1944. Furono effettuati dalle forze aeree alleate per scardinare il sistema viario e ferroviario, posizionato strategicamente lungo l’asse Roma-Pescara e all’imbocco della direttrice Sora-Cassino-Napoli, e per impedire il rifornimento di armi e munizioni al quartier generale delle SS asserragliato nel vicino castello medievale di Albe. Le vittime nella città della Marsica furono 94, i feriti 504. I danni calcolati furono pari a oltre il 70% del patrimonio architettonico ricostruito in seguito al disastroso terremoto del 1915.

Fonte: Wikipedia

Didascalie:

1) Foto aerea dei bombardamenti eseguiti dai North American B-25 Mitchells del Twelth Air Force “Walk the tracks” sugli scali ferroviari di Avezzano (AQ), a est di Roma, il giorno prima dello sbarco alleato del 22 gennaio 1944.

2) Attraverso il fumo si scorge la curva dei binari negli scali ferroviari di Avezzano, sulle linee dalla costa adriatica verso Roma. Questo era uno dei tanti depositi e svincoli distrutti come parte del piano aereo per spezzare la comunicazione ferroviaria della linea Hun.

Didascalie originali:
1) Through The Smoke, You Can See The Curve Of The Tracks Into The Railroad Yards At Avezzano, On The Lines From The Adriatic Coast To Rome. This Was One Of The Many Yards And Junctions Smashed As Part Of The Air Plan To Strangle The Hun’S Rail Communicatio (U.S. Air Force Number 123161AC)

2) Bombs From North American B-25 Mitchells Of The 12Th Usaaf ‘Walk The Tracks’ Through The Railroad Yards Of Avezzano, East Of Rome, On The Day Before The Allied Landings On 22 January 1944. (U.S. Air Force Number 60594AC)

Anno:
1944

Collocazione:
National Archives Catalog

Related posts

Luco dei Marsi, entusiasmo e ampia partecipazione per il rinnovamento della Pro Loco. Emilio D’Eramo nuovo presidente

Redazione

Avezzano – C’è chi sporca e c’è chi deve pulire le strade, ma a pagare siamo noi cittadini

Redazione

Un km di dehors ,sta cambiando il volto del centro città e molte abitudini degli Avezzanesi.

amministratore

Leave a Comment